Si può vivere meglio? È la domanda provocatoria che viene proposta a chi vuole concedersi una pausa di riflessione nella propria vita. Possiamo mettere in atto diverse strategie efficaci per affrontare le difficoltà dell’esistenza: la psicosomatica, così come il counseling, sono innanzitutto tesi alla promozione del benessere (salutogenesi). La qualità della nostra vita è, più di quanto immaginiamo, nelle nostre mani.

Che cos’è il counseling? Il counseling è un colloquio che aiuta persone sane a migliorare il proprio grado di benessere, a facilitare la conoscenza di sé e la crescita personale. E’ una consulenza che aiuta ad affrontare momenti e disagi specifici, che possono essere di varia natura (problemi lavorativi, familiari, relazionali ecc…). Il counselor sta ‘con’ l’altro senza giudizio, ascolta, aiuta a chiarificare il racconto e ad esplorarlo su più piani. Fa emergere risorse che la persona già possiede e che, in momenti particolari della vita, possono essere difficili da individuare.

Tuttavia non si comunica soltanto attraverso la parola, lo si fa anche attraverso il corpo. Ritroviamo le nostre esperienze emozionali impresse nel nostro corpo.

Ti sei mai chiesto come mai essere massaggiato è così bello? Si certo, è rilassante! Ma cosa succede al nostro corpo in questa particolare situazione?

È sicuramente capitato ad ognuno di noi durante la vita di farsi male, di provare dolore fisico: l’istinto ci induce a portare le mani sulla parte sofferente, quasi a tenerla stretta…. È come se il cervello riconoscesse attraverso il gesto del contatto (anche semplicemente auto rivolto) la cura al dolore di quel momento. Attraverso il dolore il corpo ci sta parlando con il suo linguaggio e ci sta comunicando ciò che nell’animo stiamo vivendo. Per il cervello in effetti non esistono disagi fisici o emotivi, esistono i disagi.

Quando attraversiamo nella vita momenti difficili, che ci richiedono sforzo ed un certo impiego di energie, il cervello attua soluzioni di adattamento alla richiesta esterna, le stesse soluzioni che attuerebbe per un impegno fisico.

Il massaggio dunque porta sollievo e aiuto. Quando veniamo toccati portiamo la nostra attenzione al corpo. Lo ascoltiamo, ce ne occupiamo e quindi ce ne riappropriamo. Massaggiare il corpo significa risvegliarlo, significa favorirne un “reset” e un “riavvio” alle impostazioni.

Come mettere al centro il nostro benessere nella sua totalità? L’unione mente-corpo è ormai unanimemente riconosciuta. Oggi si sono sviluppati nuovi approcci e programmi integrati di supporto, in grado di risolvere, anche in tempi brevi, numerose problematiche portando ad un aumento della consapevolezza e del controllo sui propri stati d’animo.

In quest’ottica è necessario prenderci cura di noi rispettando la nostra “totalità” mente-corpo, che è unica e irripetibile! Ogni individuo ha infatti il suo peculiare modo di interpretare il mondo, dando vita a pensieri ed emozioni proprie.

Diamoci il permesso di focalizzarci sul nostro benessere, rispettando la nostra essenza!