È consigliata la pratica dello yoga in gravidanza al superamento del primo trimestre. Così che la mamma possa praticare in tutta sicurezza.

Il corso di yoga in gravidanza prevede di sostenere le mamme lungo tutto il percorso della gestazione, aiutandole ad accogliere ed accettare il naturale cambiamento del proprio corpo, ad affrontare i piccoli disturbi fisici collegati alla gravidanza e al mutamento del tono del’ umore e della sfera emotiva dovuti alle variazioni ormonali, ma anche alle paure legate alla maternità e al parto.

Cosa prevede il corso:

– Asana : sia in piedi che da seduta o sdraiata,per sviluppare maggior forza e flessibilità muscolare e migliorare le capacità di equilibrio.

Durante la pratica viene posta l’attenzione  sulla respirazione, sincronizzando l’inspiro e l’espiro con il movimento. Questo accresce la consapevolezza che aiuta la donna durante le fasi del travaglio e del parto.

– Tecniche di respirazione: verrà spiegato come concentrarsi sulla respirazione lenta e profonda.

-Uso della voce: attraverso canti e recitazioni di Mantra.

– Rilassamento finale (SHAVASANA): alla fine di ogni lezione ci distenderemo sul tappetino per rilasciare le tensioni , permettendo così un graduale rallentamento del battito cardiaco e della frequenza respiratoria.

Fare yoga durante la gravidanza può aiutare a:

– Migliorare l’equilibrio fisico e mentale

-Attivare la circolazione sanguigna e linfatica, contribuendo a ridurre il gonfiore e la pesantezza alle gambe.

– Rafforzare il pavimento pelvico 

– Ridurre i sintomi che spesso accompagnano la gravidanza come la stanchezza, i dolori a livello lombare, la nausea, la costipazione, la cefalea e la fatica a respirare.

– Aumentare la forza , la flessibilità e la resistenza muscolare, utili per il travaglio e il parto.

– Ridurre ansia e stress, attraverso pratiche respiratorie che calmano la mente e il corpo.